mercoledì 14 agosto 2013

Il ragazzo che sono (dentro)

Foto by Leonora
L'ho letto in un romanzo di Maigret e lo provo anch'io: nonostante gli anni siano passati, penso a me stesso come al ragazzo che ero.
Pur se sono cambiato, se mangio molte più cose rispetto ad allora, se non sono più così schizzinoso, se ho perso buona parte di quell'olfatto finissimo che proprio a tavola era un handicap pazzesco (quante volte ho detto: "Puzza!", confondendo il gusto con lo schifo), se sono molto più sicuro di me stesso, se non divento più rosso quando parlo, se non mi sento mai così solo come i pomeriggi di luglio in cui i miei genitori lavoravano e a parte le lucertole dai marciapiedi attorno a casa mia non passava nessuno, se amo leggere romanzi mentre da piccolo li detestavo, se ho scordato cosa significhi amare gli animali (e ringrazio Francesca, che due giorni fa mi ha ricordato quanto sono adorabili gli asini, che hanno occhio umano), se sono diventato finalmente ordinato, se mi spaventa meno il futuro, se ho imparato che si possono superare gli addii, anche quelli strazianti, senza possibilità di ritorno.
Sono un uomo ora e l'ho ben presente ogni volta che mi guardo allo specchio, quando a parte il corpo - che s'è mantenuto più in forma di quanto avrei creduto: in questo, devo essere onesto, sono migliorato - per il resto vedo un viso scavato, con i capelli corti, stempiato, gli occhiali, le rughe e i peli bianchi della barba, un volto di quelli che capisci di essere invecchiato perché le ragazze più giovani, quando ti passano davanti, non ti degnano di uno sguardo, come se avessero di fronte soltanto il muro (anche questa immagine l'ho letta da qualche parte, non ricordo però dove, se in Pirandello o in Facebook, e questo la dice lunga sulla mia memoria, oltre che sul modo discutibile in cui passo in questi giorni d'agosto il tempo).
E' un me stesso che mi sorprende proprio le volte in cui inseguendo un pensiero, una sensazione, uno stato d'animo a riflettere rimane quel ragazzo, come se la natura avesse tracciato una linea sui vent'anni e l'orologio mentale fosse rimasto fermo.
Non so se capita anche a voi, mi consolo scoprirlo in Simenon, non a caso uno scrittore universale, capace di emozionarmi ancora adesso. Credo capiterà anche quando diventerò vecchio, come allo zio Emilio, che ha quasi novant'anni e ogni tanto incespica o cade cercando di prendere un piatto o pulire la parte superiore di un armadietto. Mia madre lo rimprovera, io invece credo di conoscere il motivo: anche lui, come me, come tutti noi, è rimasto con la testa agli anni in cui poteva fare tutto. Lo scrivo qui non per la scoperta d'acqua calda che ho fatto, bensì perché chi legge queste righe possa essere comprensivo e non arrabbiarsi troppo quando si trova di fronte i tanti zio Emilio che esistono al mondo.

4 commenti:

ivana ha detto...

L' Amore invece cancella il tempo, eliminando ogni ricordo di un inizio e ogni paura di una fine.

Baba ha detto...

A volte mi sento come imprigionata in un corpo quasi sessantenne che non riconosco più mio, passando di fronte ad uno specchio (può capitare....con volontà lo faccio solo durante il tempo dedicato all'igiene personale..)mi capita di sostare quell'attimo per notare, quasi non me ne fossi mai accorta, che il mio viso ormai è un po gonfio, solcato da rughe e....che strano, ho un altro taglio di occhi......
Ora, credetemi, non mi importa un fico secco di invecchiare, ma quello che mi infastidisce e mi da disagio è che io mi sento diversa.
Tanto diversa di fare le stesse cose stupide e gioiose che facevo da ragazza, da saltare dal letto in un nano secondo e poi accorgermi che ....forse non è il caso......
No, non ho bisogno di un chirurgo estetico o di integratori anti-age ormai tanto in voga.....Credo di aver bisogno di uno specchi che non proietti una immagine diversa....... Buona giornata !

Natale Carelli ha detto...

Lo scorrere del tempo è inesorabile, bisogna arrendersi all'evidenza anche se personalmente evito di incrociare la mia immagine riflessa nello specchio.... così facendo mi illudo che tutto sommato non è cambiato nulla.Si rimane giovani fin quando riusciamo ancora a sentire il bimbo che ognuno di noi ha dentro. Affrontare la vita con un sorriso e magari fare anche la capriola, mi collego a Beba, Pensa che finalmente ho dato retta al mio "bimbo" e a breve intraprenderò una camminata di 900 km in solitaria, anzi, in compagnia del bimbo. Ciao a presto.

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

"Mutazioni"... già...
stamattina presto, ragionavo anch'io piu' o meno sul medesimo argomento :-)

.
http://www.lucianabianchicavalleri.com/2013/09/mutazioni.html
.