lunedì 10 novembre 2008

Quarantadue a zero


Quarantadue. Oggi compio gli anni e c'è poco altro da aggiungere. Quarantadue anni sono molti se li penso di qualcun altro ("Vai con uno di quarant'anni? Ma è un vecchio!" m'è capitato di dire pochi mesi fa a un'amica, senza badare che quel vecchio potevo essere io) mentre se penso ai miei mi sembrano un niente, un soffio. Non ricordo nessun compleanno in particolare, se non uno a cavallo dei trenta o forse era proprio quello dei trenta, con una festa a sorpresa nella vecchia casa di via Varesina e due metri di panino con la Nutella. Le feste di compleanno non sono mai stato il mio forte, anche se adesso, seduto qui, penso che forse avrei dovuto essere meno burbero. Comunque oggi lavorerò, mentre ieri ho avuto un meraviglioso pranzo in famiglia, una famiglia allargata, e poi prima che fosse sera quattro pasticcini e un regalo davvero speciale. A La Provincia, dove lavoro, abbiamo creato una pagina di Facebook e con Frenz abbiamo fatto una scommessa, cioè lui l'ha fatta con un mio collega, Francesco Chillino: arrivare a 500 fan prima di mercoledì. Chissà se ci riusciremo... Da ultimo, visto che al compleanno si perdona un po' tutto, vorrei esprimere la mia opinione su ciò che ha detto Berlusconi a proposito di Barak Obama: "E' giovane, simpatico e abbronzato". Ne è nato un putiferio, con per primi i giornali americani a sottolineare quanto fossero offensive, seguito poi dalle polemiche in Italia. Ebbene, io che a Berlusconi non perdonerò mai l'uso superficiale delle parole (ogni cosa detta da lui vale il suo contrario) questa volta non mi sono scandalizzato. Ha detto una gigioneria, come spesso capita agli uomini di potere, credendo di fare il simpatico. Forse non c'è riuscito, ma dire che un nero può esser considerato un uomo molto abbronzato non mi pare una vergogna, o un'offesa o peggio, com'è stato pur scritto, un segno di razzismo. Lo scrivo, conscio di potermi attirare molte antipatie, perché sono convinto che l'unico modo di combattere il non senso dato alle parole, sia quello di riappropriarsene, smettendola di dividere ogni frase in bianco o nero, bensì sapendo individuare una scala di colori, distinguendo ciò che vale uno, due, tre, dieci o zero.
Foto by Leonora (ed è un mese che aspetto il mio 42esimo compleanno, così da poter mettere questa foto)

15 commenti:

toto ha detto...

Auguri!

Per quanto riguarda il Silvio, credo che, in quanto uomo politico, debba attentamente pesare le parole che dice, anche se sono convinto anch'io non ci sia stata nessuna cattivera e nemmeno un'oncia di razzismo.

Elena ha detto...

Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri! Auguri!

loris ha detto...

Non è vero che sei burbero, perchè accogli sempre le persone con un sorriso, o una stretta di mano, o una parola di benvenuto (o tutte queste insieme); ed è sempre piacevole trascorrere il tempo in tua compagnia.
Auguri

pmor ha detto...

se sei vecchio, oh... :) scherzo, dai: non prendertela!!! auguri di cuore

pmor ha detto...

p.s. nel giorno del tuo compleanno sono totalmente in disaccordo con te sulla battuta di Berlusconi: è proprio questo uso della lingua, queste battutine da bar che fanno crescere, in modo ancor più subdolo, il razzismo...soprattutto se a farle è il presidente del consiglio nei confronti del nuovo presidente Usa!! detto questo: ancora auguri!

Ale ha detto...

Tanti auguri Giorgio!!

Anonimo ha detto...

Ti riporto il commento di un mio amico visto che la penso esattamente come lui: "Non è lo sfondo razziale,non si tratta di un intento provocatorio.E' l'inopportunità,il vero limite.Un primo ministro non può pensare di proferire qualsiasi sciocchezza in tranquillità.E' una questione di stile.Di dignità istituzionale.Perchè deve esistere una differenza comportamentale fra un uomo politico ed un comico.Deve esistere nettamente,in modo marcato,incontrovertibile.Deve essere chiaro il motivo per il quale Pippo Franco fa il cabarettista ed il presidente del consiglio guida il governo.La chiarezza fra ruoli differenti,quella stessa chiarezza che oggi non esiste nel nostro Paese.
In questo clima di confusione assoluta,uomini come Pippo Franco,gene Gnocchi,Martufello,Jimmy il fenomeno,Mr Bean,potrebbero benissimo assumere la guida di una coalizione di governo.Non esiste,difatti,una sola differenza fra loro e il cabarettista in miniatura.Anzi una grande differenza esiste per la verità:Loro,in qualche maniera,sono simpatici.Lui è solo inopportuno."
Paoletta

Il MIGLIA ha detto...

Caro Giorg,
in primis, auguri.
Sai cosa pensavo? Che quando abbiamo iniziato, più o meno insieme,a "giocare" con questo lavoro era il 2000. E tu di anni ne avevi solo 34! Sembra passato un giorno, e nel contempo una vita. La cosa bella è che, riavvolgendo il nastro, i momenti positivi sono largamente in vantaggio su quelli negativi.

In secondo luogo, circa la troiata di Berlusconi sull'abbronzatura di Obama, credo che De Biase
con il suo post (http://blog.debiase.com/2008/11/08.html) abbia colto, ancora una volta, nel segno.

Marco Migliavada ha detto...

Ti perdono perché è il tuo compleanno.
Il lavoro di Berlusconi oggi è fare il premier.
Il mio capo non mi permetterebbe mai di gigioneggiare in pubblico giocando sulle caratteristiche fisiche di un interlocutore importante e allo stesso modo gli italiani non devono permetterlo a chi li rappresenta.
E' una questione di adeguatezza a un ruolo e non di bianco/nero. Continui pure il Principale a gigioneggiare tra amici e parenti senza però ridicolizzare le persone che rappresenta alle conferenze stampa tra capi di stato.
Credo potesse esprimere valutazioni molto più intelligenti trovandosi a discutere del presidente seletto degli Stati Uniti seduto allo stesso tavolo del presidente russo.

Leonora ha detto...

Auguri!!!
Siamo vicini vicini di compleanno ;)
ciaooo

Andrea ha detto...

AUGURIIIIIIIII

Luisa L.G. ha detto...

Anche io ti perdono solo ed unicamente perchè è il tuo compleanno.
-:) Comunque sei ancora giovanissssssimo (lo dico senza alcun interesse)

Alfredo ha detto...

Ultimamente sono sempre in ritardo.
Oggi li accetti ancora gli auguri?
Buon compleanno!!!

Anonimo ha detto...

Mannaggia! ti leggo con ritardo..ma vale lo stesso, credo...
Un bacio...speciale...da Buon Compleanno!
Giovanna betto

Giorgio ha detto...

A tutti: ma quanto siete affettuosi con me? Se non fossi grande e grosso mi commuoverei persino. E dico davvero...