mercoledì 30 novembre 2011

Da sabato cambio lavoro

Salendo le scale non perdo mai di vista chi le scende, ricordando che potrei essere io e che sono rimasto chiuso nel ripostiglio del seminterrato per molti anni. Un tempo a cui sono grato, poiché mi ha insegnato a portare rispetto per chi non trova l'ascensore giusto e ancor di più a godere del poco, figuriamoci quando il credito incassato è moltissimo.
Per chi non lo sapesse, da sabato cambio lavoro. Cioè, il lavoro resta identico, ma mi trasferisco una provincia più in là, a Monza, a una testata dal nome stupendo: Il Cittadino.
Se me l'avessero detto due mesi fa non ci avrei creduto e un po' non me ne rendo pienamente conto neppure adesso, ch'è tutto nero su bianco. Stanotte, ad esempio, mi sono svegliato di soprassalto e m'è capitata una cosa che non era mai successa prima: pensavo di essere diventato il direttore di un giornale e per la prima volta non era un sogno, non c'era nessuna greve amarezza e delusione al risveglio, era vero! Adesso posso dirlo: so cosa si prova a vincere al superenalotto. Non per i soldi, bensì per il piacere di andare a fare quello che mi piace davvero, di poter mettere alla prova le proprie idee dopo tanti anni di un passetto dopo l'altro.
Basta, non voglio dilungarmi, mi fermo. Del resto dai prossimi giorni (da sabato, per la precisione) potrò farlo senza freno. Qui lo segnalo soltanto per ringraziare le tantissime persone, ma proprio tante tante, che in questi anni mi hanno sostenuto, hanno creduto in me, mi hanno dimostrato stima, affetto. Non sarei nulla se fossi solo. Perciò voglio dividere la gioia con tutti, con tutti voi, nessuno escluso, sapendo che la gioia ha proprio questo di straordinario: che si moltiplica quando si divide, quando non la si tiene per sé ma se ne fa agli altri dono.

Foto by Leonora

14 commenti:

magnum ha detto...

La parola e' la piu' bella cosa che abbiamo,e quando la si scrive resta in calce per i posteri.Lo scritto permette di arrivare dappertutto,con i mezzi di adesso poi puo' raggiungere posti impensabili.L'ho scoperto con twitter e facebook.Il pensiero puo' venir rimbalzato e girato a milioni di persone.L'importante e' mantenere la schiena dritta e non adagiarsi.Sono figlio di un giornalista e so come e' dura portare avanti le proprie idee e i principi.In bocca al lupo.Max

Paola Scuratti ha detto...

In bocca al lupo! Proprio un gran bel treno da prendere. Complimenti!

Luca Zappa ha detto...

Oh cavolo, che cosa strana vederti allontanare da Como...in bocca al lupo direttore!

annaccia ha detto...

Squillino le trombe, rullino i tamburi, si alzino i sipari... Divido con te la tua gioia. Con tantissimo piacere. Scodinzolo e saltello... Queste sono belle notizie. Belle, belle, belleeee. Ciao

cafecaracas ha detto...

Buona fortuna!grande giornalista e grande persona!

Anonimo ha detto...

Ciao Giorgio,
proprio stamane parlavo di te con Paola, vedendo la foto di una pallavolista che somiglia un sacco a chi sai tu e ci chiedevamo che fine avessi fatto, decidendo di rivisitare il tuo Blog.
Fantastico, Diretùr !
Ti faccio un grossissimo in bocca al lupo per la nuova avventura, sicuro che tutte le tue idee e ambizioni prenderanno vita.
Non farai certo fatica ad affiliarti collaboratori fedeli e entusiasti come te che ti consentiranno di dare il meglio e vedrai che avrai anche opportunità di sperimentare e divertirti.
Ti saluto con esultanza pallavolistica: HIGH FIVE !
Massimo

andre ha detto...

caspita!! questa sì che è una notiziona!! veramente bella, veramente complimenti, veramente tutta la stima e l'affetto che meriti, veramente un grosso in bocca al lupo (quasi inutile del resto visto le tue innegabili capacità!!).

Elena Trombetta ha detto...

Ehilà!
Che meraviglia!
... anche se mi spiace che Como perda una bella persona come te.
Un grosso in bocca al lupo!

Anonimo ha detto...

complimenti per la tua caparbietà e la tua semplicità, che ti stanno facendo fare strada nella vita.
in bocca alla rotativa! (ma è un quotidiano o un bisettimanale?)
montorfano, da dove vengo, è sotto le tue grinfie (ultima propaggine della brianza del nord)?
vai, giorgio!
@guzabinys

Magda ha detto...

Congratulazione Giorgio! Ti faccio tanti auguri per la tua nuova avventura, che spero ti regali tante soddisfazioni......In bocca al lupo! Magda

gerardo gobbi ha detto...

"dopo tanti anni di un passeto dopo l'altro" ai fatto un passo normale. Fra un po' di tempo farai un "salto" entrando in un giornale nazionale perchè ne hai le qualita culturali: Non conosco la tua "cattiveria " intesa come grinta perchè per dirigere un giornale penso c'e ne voglia molta.
In bocca al lupo e buona fortuna a te e famiglia . gerardo g.

Miranda ha detto...

Dopo la semina, la stagione della raccolta... Bravo! Ti augurerei buona fortuna ma so che non ne avrai bisogno... ti basterà il tuo talento
:-)

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

La tua penna smagliante ci mancherà sicuramente moltissimo.
E ancor di più, la tua "schiena diritta" (come la chiami tu), merce davvero rarissima di questi tempi.
Con stima, l'augurio di un avvenire ricco di altrettante affermazioni.

luciana - comoinpoesia

Natale Carelli ha detto...

Ho lasciato il Web per alcuni giorni e guarda che sorpresa! sono davvero felice per te! te lo sei meritato, ops da ora dovrei darLe del lei caro Direttore! un augurio di cuore e un abbraccio fraterno! ciao Giorgio, rimani sempre quello che sei!